venerdì 2 ottobre 2015

Perché non sono come tu mi vuoi.



io sono un vuoto a perdere

uno sporco impossibile
un marchio registrato
un prodotto di mercato
io sono un punto fermo
una realtà di base
un dato di fatto
un dato per perso
non ho codice segreto
nè codice cifrato
io cerco centri di gravità permanenti
io sono una pratica evasa
non sono come tu mi vuoi...


Oggi voglio ricordare a me stessa che posso scegliere, che c'è sempre una via alternativa, a qualsiasi cosa. Che si può scegliere la morte alla vita ma anche la vita alla morte, ed ogni giorno che passa tiriamo i nostri dadi e costruiamo il nostro cammino. Con coraggio, la voce che trema ad ogni sillaba e la lingua che brucia, un tuffo nell'ignoto. Bagnarsi di nuova adrenalina.

 Le nostre scelte non sono dovute a nessuno, né a un Dio a nostra immagine e somiglianza che tutto vede e tutto ascolta e neanche a qualsivoglia entità astratta o pseudoumana e spirituale che ci guida e ci sostiene. Nessuno ci illumina gli animi. Niente ci mostra le decisioni giuste o sbagliate. Come ieri. C'ero solo io, con l'amaro del caffé in bocca e il tabacchi poco lontano. E la mia forza di dire no. Anche oggi. Magari domani non resistero', ma potrò dire di avercela un po' fatta.

...perché è troppo facile dire di sì. E' facile inginocchiarsi e pregare, e sperare che tutto passi e si risolva. E non voglio smettere di fumare per la mia salute o quella degli altri, sono egoista e allo stesso tempo autodistruttiva in questo. Voglio provarci per mostrare a me stessa chi è più forte, semplicemente.  Che non voglio dipendere da nulla. 

Per me non esistono santi in paradiso, in cielo o in terra.

Ed è per questo che non sono come tu mi vuoi, come canta il Giovanni Lindo. Ed è per questo che cerco di vivere con i miei tempi e non con quelli imposti dalla società. E, anche se una fetta di felicità si raggiunge insieme agli altri, a me basta averne pochi a cui voler bene, e poi contare su me stessa. 

Su questo viso dolce, come continua a ripetermi chi non mi conosce abbastanza. 

Ho preso gli insegnamenti dei saggi e dato ascolto alle parole di chi voleva aiutarmi a stare bene, nonostante mi abbia fatto poi del male. Le ho fatte mie e le ho custodite gelosamente, e so bene che la mia strada è ancora lunga, ma credo di aver scelto io stessa la via panoramica, perché mi è sempre piaciuta di più.

Arriveranno i miei giorni di gloria e li avrò sudati con tutto il mio ardore. Oggi, per esempio, è uno di questi. E festeggeremo.

Alleluia. 

14 commenti:

  1. guarda se già sei a questo punto, hai già vinto.
    Posso permettermi di dirtelo, perchè sono "anziana" e sono percorsi mentali che ho già attraversato.
    buon w.e. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai conosci bene le mie pare mentali , ne abbiamo parlato tanto e sai quanto sia per me una conquista arrivare a questo punto di consapevolezza. Magari è soltanto un attimo di lucidità ma è una luce che mi piacerebbe continuare a vedere...

      Grazie, spero sin stato un bel weekend anche per te :-) baci

      Elimina
  2. Mitica. Mi piace tantissimo il ragionamento che fai per smettere di fumare. Chi dice che è un Dio a guidarci mi fa sempre ridere un sacco.
    La via panoramica è sempre quella più difficile, ma porca miseria se vale la pena di percorrerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credere che sia un Dio e un destino a guidarci non mi farebbe sentire libera di vivere la mia vita. Non voglio credere che siamo delle marionette appese a fili... ;-)

      Elimina
    2. La nostra vita è una conseguenza delle nostre scelte, e basta. :)

      Elimina
  3. Mi piace questo sprazzo di forza, di coraggio, di voglia di provare e, perchè no, vincere.

    Credo in Dio, credo che lui ci abbia donato la vita, sebbene non sia dell'opinione che sia lui a guidarci, manovrandoci come pedine e decidendo per noi. Penso piuttosto che lui ci abbia lasciato liberi, liberi di scegliere ogni istante.

    Lola, stai proseguendo bene, ancora coraggio... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credere nella libertà è importante. Ci rende protagonisti della nostra vita. :-)

      Elimina
  4. Mi piace che tu sia come vuoi tu.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lola hai scritto cose molto belle,essenziali,importanti si lo penso anch'io se sei a questo punto sei già abbastanza avanti.
    Per quanto riguarda il fumo,fumo anch'io e se a volte ci litigo con le sigarette è più per quello che desidero dimostrare a me stessa che smettere per gli altri.
    Devo ammettere anche che andando alla ricerca del perché e del quando ne accendo una è stato scoprire le parti velate di me che si nascondono dietro a questo compulsione.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. È un vizio che nasconde mille segreti: una valvola di sfogo, un punto fermo della giornata da dedicare a te stesso (se pur facendoci un po' del male), e allo stesso tempo un gesto che a volte mi fa sentire forte, lo ammetto. Quando poi diventa debolezza, cerco di farne a meno.

      Un abbraccio a te Caro :-)

      Elimina
  6. Mi piace il tuo pensiero e mi piaci tu che sei come vuoi essere... UNICA, mai uguale e mai banale.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Unica non lo so e non importa, magari uguale a tante altre ma chissene, dai. ;-) un abbraccio a te Xavier

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione