lunedì 30 novembre 2015

Malattie imbarazzanti, non è un programma tv ma una realtà della Lola

Che io fossi nata sotto il segno della sfiga lo si era già capito.


Ve la farò breve perché non sono molto in forze, per non parlare del dolore alle mani.


Questo finesettimana mi sono beccata una bella influenza a 39. Sfiga certo, ma nella norma. Ovvio, l'incazzatura c'è, perché tra sabato e domenica avrei dovuto avere un appuntamento fatal-romantico a passeggio per la Capitale con l'ingegnere incontrato in treno. Appuntamento rimandato, ovviamente. Mi rode il culo come non mai.


Ma per una Lola non finisce mica qui. La mia non era solo febbre. Già, perché dopo aver passato due notti a delirare e ad avere allucinazioni sulla Madonna e su Padre Pio per via dell'influenza, ho iniziato ad avere un rash cutaneo molto fastidioso all'interno delle mani prima, sotto le piante dei piedi poi, ed infine delle bolle intorno e dentro la bocca che mi rendono difficoltosa la deglutizione.

Insomma, di corsa al pronto soccorso, ma poverini non ci hanno capito molto lì. Mi hanno fatto un'iniezione intramuscolare di cortisone e antistaminico e mi hanno mandato a comprare in farmacia altro antistaminico.

L'illuminazione è stata della farmacista che continuo a ringraziare perché è stata l'unica a riconoscere la malattia che mi è venuta. All'ospedale non mi hanno neanche guardato bene le bolle o altro, mi hanno fatto fare una deposizione come se stessi facendo una denuncia dai carabinieri. Dicevamo, però. La farmacista mi osserva la bocca, mi chiede di mostrarle le mani e mi fa "scommetto che hai le stesse bolle sotto le piante dei piedi e che hai la gola gonfia". Sissignore, le faccio. Lei sorride amareggiata, mi spiega che la mia non è orticaria come mi avevano diagnosticato all'ospedale e con un altro sorrisone aggiunge hai la mani-piedi-bocca, la malattia che prendono i bambini a cinque anni! dicendomi poi che evidentemente sono un po' debole in questo periodo e che me la sono beccata anche io, giusto con vent'anni di ritardo. Per intenderci, è simile alla rosolia o meglio alla sesta malattia, le bolle danno fastidio come quelle della varicella ma non sono così grandi.

Ovviamente non posso camminare, a stento riesco a sbucciarmi mezza mela, di notte non dormo e mi gratto come una dannata, di giorno il mio unico sollievo è il marmo freddo del tavolo della cucina dove ci stendo le mani. Se nel pomeriggio mia madre esce provo a stenderci anche i piedi in qualche modo. Rischio la bronchite, forse, ma non so davvero che fare. Stasera mi prenderò una dose massiccia di antistaminico cjhe spero mi farà anche da sonnifero e buonanotte. Il primo passo è riscoprire le gioie del sonno.

Se ho sbagliato qualche congiuntivo, perdonatemi. Era mio dovere però mettervi al corrente delle mie gioie della vita, insomma.


Che poi, al di là del dolore, al di là del fatto che devo stare una settimana intera barricata a casa senza contatti col mondo perché sono altamente infettiva, al di là del fatto che forse mi salto un laboratorio all'università... potevo beccarmi una malattia meno imbarazzante da raccontare?

No, eh?

Se il tipo del treno dovesse farsi risentire (anche se ne dubito), forse faccio più bella figura a dirgli che mi sono presa una bronchite.

Insomma, un po' la prendo a ridere, ma sono proprio incazzata nera, come una bestia.

 Lola e le sue bolle mani-piedi-bocca (provate a dirlo velocemente cinque volte di seguito, ah ah!) vi salutano e vi danno appuntamento al prossimo round di sfigaggine.

Au revoir.

15 commenti:

  1. perchè sei una bimba...ecco perchè :)
    cmq dicevano gli antichi, che "ogni impedimento è giovamento" evidentemente il tuo Karma ti ha salvato...
    arripigliati presto presto
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm... ovviamente intendo per il tizio (forse non era cosa)
      ;)

      Elimina
    2. Ecco, riesci sempre a riassumere in poche righe i miei dubbi. Ma non è che ricorrendo al Karma forse faccio la fine della volpe con l'uva? In ogni caso, forse dovrei adottare il metodo stica(zzi)! :-D penso solo a guarire! un bacione a te

      Elimina
  2. Ma il tipo non lo senti ormai regolarmente? Tipo whatsapp, FB? :)
    Cavolo, io mi sa che la ebbi da bambino quella malattia... e so che certe cose, beccate da grandi, sono cento volte peggio XD
    Su su, forza e coraggio, auguri di pronta guarigione!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, diciamo regolarmente no, è un po' sfuggente su questo. E poi non ha facebook, né whataspp né twitter e non ho ancora capito perché. Sì è carino vedersi ogni tanto in treno a chiacchierare venti minuti, ma così non riesci ad inquadrarti. Lui sa che ho l'influenza e mi ha augurato una buona guarigione. Io non sono una che porta fretta, ma certi impedimenti mi scocciano, mi fanno passare la voglia, sparire l'atmosfera... non so se mi sono spiegata xD
      eh già, è una roba quasi insopportabile... sono proprio una Lolita xD
      Thanks, a presto Mozzino :-)

      Elimina
    2. E' sposato o fidanzato.
      XD

      Moz-

      Elimina
    3. ahah! ecco, ora m'hai messo la pulce nell'orecchio... XD

      Elimina
  3. Dopo il tuo post ho urlato a mia madre se avessi preso la mani-piedi-bocca (che, per la cronaca, non riesco a dirlo neanche mezza volta perché mi si incarta la lingua), giusto perché da brava ipocondriaca stavo già andando in panico (e la sua risposta mi è utile solo perché non ho la febbre). Comunque, a parte questo, ma porca la pupazza, perché doveva venirti proprio ora!? Io ero curiosa di sapere come andava col tipo del treno! Maledetto Karma.
    Comunque riprenditi Lola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che io abbia il potere di diffondere questa malattia tramite blogspot, altrimenti l'isis mi avrebbe già ingaggiata, non credi? ;-) scherzi a parte, beh evidentemente doveva andar così, non me ne rammarico nemmeno più... magari un giorno ringrazierò queste bolle maledette ;-) un bacio Em, a presto :**

      Elimina
  4. Ma no! Mi dispiace, però secondo me al tizio del treno dovresti dire la verità, se la cosa dovesse avere un seguito sarebbe divertente, tra dieci anni, rievocare quel primo appuntamento rimandato per via di una delle più temibili malattie infettive infantili.
    Comunque la mia migliore amica l'inverno scorso ha avuto la varicella, anche lei con una ventina d'anni di ritardo, e passava le giornate tra bagni nel ghiaccio che le davano grande sollievo sia per la febbre che per il prurito e tantissimo talco mentolato!
    Provalo, magari funziona anche con te!
    Un abbraccio e guarisci presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha cercata proprio oggi, sai? In realtà ho poca fiducia negli uomini,di certe cose è meglio parlarne da vicino e dopo del buon sesso xD questa mia malattia imbarazzante può avere solo due risvolti: allontanarci del tutto o renderci ancora più curiosi di conoscerci... vedremo, e magari ne uscirà fuori qualcosa di divertente come dici tu ;-D
      Tornando a "me", comunque sì l'unica cosa che mi ha dato sollievo alla fine è stato proprio il talco mentolato, anche l'antistaminico mi ha fatto star peggio! Ho dormito bene stanotte dopo quasi cinque giorni, alleluja! xD
      Un bacio!!

      Elimina
  5. Ma noooooooooooooooooooooooooo!!!! Che sfiga assurda! O___O'''
    Ma perchè dici che lui non si farà più sentire? Hai solo rimandato perchè stai male sul serio, dai! Non buttarti giù! >__<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma gli uomini non aspettano che ti passi la febbre o qualche strana malattia infettiva, soprattutto se non ti conoscono abbastanza. Preferiscono passare alla prossima preda! ;-)

      Elimina
  6. Urka che sfiga! La mia piccolina lo scorso anno fece la versione simile ma solo con sfogo in bocca (ed ha un nome particolare che adesso mi sfugge)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto, molto fastidiose! Soprattutto quelle in bocca, non riuscivo a mangiare! Ora però ho recuperato tutto xD

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione