sabato 19 dicembre 2015

Rubrica antipatica #3

Oggi è SABATOOOH! E come ogni due sabati che si rispetti(no), resto a casa a stilare la terza rubrica antipatica solo per voi. Questo sabato parleremo di: I PROVOLONI (CHE CREDEVANO DI ESSERE) SIMPATICI. ROBA TOSTA SIGNORI/E.




Perlopiù, sconosciuti beccati nell' Urbe. I romanacci, quelli rudi e crudi.


1. Il complimento 
Questo fatto ancora non mi è chiaro, anche a distanza di anni. Era un dicembre qualsiasi e giravo per via Nazionale. Pantaloni di velluto larghi, un cappottone imbottito che sembravo l'omino michelin, cappello nero col ponpon, guanti felpati e sciarpa che mi copriva fino al naso.
Un tizio mi ferma e mi fa mmm, complimenti! e se ne va. No ma dico, complimenti a cosa?! Cosa hai visto se ero più coperta di una ragazza araba col burqa integrale? Ti ha eccitato il fatto che respirassi?

2. Beati gli invitati (alla cena del signore)
Passeggiata romantica con una ragazza. Non eravamo mano nella mano ma credo si capisse che non eravamo proprio amiche. Il simpaticone di turno ci ferma e ci fa ma quanto siete belle, beati i vostri fidanzati!. No ma scusa? Che palle, siate più fantasiosi.



3. Andiamo al mare?
Stavo andando all'università, uscita metro Garbatella. Ragazzo mai visto prima si avvicina:

- ciao
- ciao
- che fai?
- ehm (mi guardo intorno) sto andando a lezione!
- ah. Ti va di andare al mare?
- eh, cosa?
- dai, ti va di andare al mare insieme?
- ahahah, con tutte le cose che ho da fare oggi l'ultima sarebbe andare al mare con te, guarda (inizio ad aumentare il passo, p e r i c o l o)
- ma mica oggi! un altro giorno!
- ti sto dicendo di no! 
- vabbè dai, pure oggi! c'è pure il sole!
- (corro, corro veloce)

4. Il feticista
Sempre zona universitaria, questa volta però da un'amica. Eravamo sedute allegramente su una panchina e un tizio sulla trentina si avvicina e ci fa salve! sto facendo un'indagine sulla bellezza del piede femminile. Potrei intervistarvi? 

Avesse avuto almeno un registratore con un microfono, forse gli avremmo creduto. Forse.

5. Il giocherellone
Gallipoli. E qui, si potrebbe aprire un intero capitolo, ma non lo faremo. Ero con le mie compagne di viaggio fuori da una discoteca e il provolone di turno avvicina la sua lurida bocca al mio orecchio sinistro e mi sussurra, con un pessimo accento inglese: 

ehi, do you wanna play with me? mmm...

alla mia riposta "ahahahahah" lui ribatte "che cazzu ridi?!" e mi allontano con le mie amiche. Certo, fosse stato maggiorenne, forse un pensierino ce l'avrei fatto lo stesso, nonostante l'accento del piffero.


6. Alla faccia (del bicarbonato di sodio)
Sempre Gallipoli, stessa discoteca di cui sopra. Un ragazzetto biondino e il suo amichetto fanno amicizia con noi e tutti insieme usciamo da locale perché non si poteva respirare. Ad un certo punto inizio a pensare che il biondino volesse provarci. Non era brutto, era solo del '96. Insomma. 

- Ma lo sai che sei più piccolo di mio fratello più piccolo?
- A faccia 'ro cazz! (mi toglie la mano dalla spalla)
- Ecco, appunto.


7. Il furbetto
Questa volta mi volevano mettere in imbarazzo, invece. Per fare colpo? Chi lo sa. Insomma, primo appuntamento (e ultimo) con un amico dell'ex ragazzo di una mia amica. Il tipo in questione mi stava raccontando qualcosa di così divertente che non ricordo:

- e allora, ad un certo punto, gli ho detto se non la smetti ti faccio un FISTING, ah ah ah... 
- (io) ahahahahahahahah
- (mi guarda atterrito) perché ridi? Sai cos'è un fisting?
- certo che lo so, non sono mica nata ieri!
- forse non lo voglio sapere perché lo sai...
- ma va' a cagare!


Dai, mi fermo a sette perché stiamo sotto Natale e sono più buona.... naaaaah, mi fermo a sette solo perché è il mio numero. 


P. S. Visto che sono stati fatti i complimenti ad S. per i suoi baffetti, insomma... e alla Lola, nun je dona er baffo?? :p 



[foto tolta per decenza]




4 commenti:

  1. ahahahah
    muoio :x
    i tuoi baffi sono molto ma molto fashion...invidia!!!!
    <3 :**

    RispondiElimina
  2. Gallipoli è tipo il luogo di raduno dei peggiori provolatori del mondo. A me è capitato che uno cominciasse a leccarmi la schiena mentre ballavo in discoteca e al mio tentativo di tirargli una sberla dicesse "eh ma non arrabbiarti, mica ti ho leccato la figa". Era appena stato a prendere il the con la regina Elisabetta.
    Nella rubrica comunque!
    E bei baffi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio che finezza!! Per andare in giro a leccar schiene comunque stava pure bello fatto il ragazzo... ho visto più droga girare lì che altrove!!

      ;-)

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione