domenica 28 febbraio 2016

Il punto

Va bene, lo ammetto, ieri ero nervosa e me ne sono uscita con quella frase. Ma cosa vuol dire, Lola? 

Venerdì ho finalmente finito gli esami della sessione invernale e domani già iniziano le lezioni. Ho cercato di godermi questo fine settimana di "libertà" dallo studio incelofanandomi tre ore con l'henné, facendo un bagno caldo con le candele alla lavanda e la musica classica, svegliandomi stamattina con la cistite. Eh no, la cistite di stamattina non era proprio prevista, però è arrivata e ce la teniamo. Mi sento febbricitante, sto bevendo litri e litri di acqua e vado ogni cinque minuti in bagno; ho provato anche con dello yogurt magro per lenire il bruciore. Sì, l'ho messo proprio lì lo yogurt. Devo dire, ha funzionato. Ho avuto venti minuti di sollievo. Dite che la Muller intendesse questo per fate l'amore con il sapore? Uhm, non credo. 


Io lo so perché mi è venuta la cistite. Ieri ho passato la giornata (incelofanata di henné) ad aspettare che lui mi scrivesse. Lui chi? Il piccolo ingegnere, già. E perché? Perché sono una cretina. A me piace troppo tirare la corda, fare la misteriosa, giocare a indovina chi, ma dall'altra parte non hanno molta voglia di giocare. E allora puff!, spariscono e vanno a trovarsi qualcosa di più facile. Ed io continuo a restarci male quando questo accade. Mi chiedo, il problema sono io? Certo che no, ovvio, devo smetterla di pensare di essere io il problema altrimenti non vivo più. Io voglio soltanto farmi corteggiare un po', per capire, per darmi il tempo di scoprire un po' le carte, sensualmente. Dall'altra parte non deve per forza esserci l'uomo della mia vita. E invece finisco sempre per destabilizzare chi ho di fronte. Non riesco proprio a fare la falsa, o la stronza. Può sembrare che io me la tiri un po' ma alla fine se la situazione mi piace, cedo. Ma non sono squallida e mai lo sarò. Non vado in discoteca a scoparmi il primo ubriaco che mi mette le mani addosso, valgo più di un pompino nei bagni. E voi, voi lì fuori, non potete davvero pensare che io mi butti tra le vostre gambe solo per due paroline dolci dette a una che neanche conoscete. Paroline messe lì, per arrivare al punto. E se poi la Lola vi fa allontanare dal punto, diventa acerba. Diventa profumiera. Quella che ve le fa soltanto annusare ma non ve la da.  

Devo smetterla. Non voglio essere io quella ad aspettare il messaggio o l'invito. La parte della preda proprio non mi si addice. E' giunta l'ora di cambiare le carte in tavola. Vado a prendermi quello che voglio, senza pensare ai pro e ai contro. La vita è una cazzo di partita a scacchi ed io voglio essere la Regina.

16 commenti:

  1. ...e comunque la cistite da attesa di telefonate dovrebbe prevedere che la mutua ci passi la Nutella.
    Punto.

    RispondiElimina
  2. Ti seguo!
    La cosa simpatica è che poi pensiamo di essere noi il problema, mentre in genere sono loro che trovano sempre il modo di farci rientrare nelle due categorie: troia o profumiera. Ma queste sono le categorie di quei maschi che pensano che l'asse intorno al quale ruota il mondo sia il loro cazzo. Non meritano dunque attenzione.
    Meglio fare a modo nostro e individuarli subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Madama, benvenuta :-) che dire, beh... hai centrato l'asse! ;-) ci sono volte che cerco di essere positiva e mi dico "nah, non lo sta facendo solo per gnagna, forse gli interessa anche altro..." e invece no, mi sbaglio ogni volta! Ormai ci metto poco ad individuarli xD

      Elimina
  3. lasciali perdere gli ingegneri che sono dei disagiati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disse la fidanzata di un ingegnere (disagiato) ?! :-D

      Elimina
  4. Lola il problema è che appena vedono che una non è troppo alla mano (caratterialmente intendo) scappano, io credo che se uno ha un forte interesse se ne frega di essere destabilizzato e lo credo perchè sono stata la prima a stare appresso ad uno "difficile" e non per mesi ma per anni lottando. Lo vuoi? prenditelo, ma tieni gli occhi aperti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che c'è? E' che l'uomo medio non arriva neanche al punto di provare un forte interesse, non si fa più "abbagliare", scappa appena sente fremere qualcosa. Poi ci sono le donnine furbe che se li "prendono" comunque e sanno incastrarli. Io non so fare certi giochetti, li trovo svilenti. L'inganno non mi è mai piaciuto. E non corro dietro alle persone, a meno che non se lo meritino davvero, eh...

      Elimina
  5. La prossima volta, una cistite da attesa per un pacco di Versace ✨

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta, cistite attesa per un pacco, ma un pacco vero!! ;-P

      Elimina
    2. Non volevo scriverlo ma hai rimediato tu :P

      Elimina
  6. Non dargli il potere Lolaaaaa! Mena, mena! :)

    RispondiElimina
  7. Prima importante regola: mai affibbiarsi colpe che, pure triplicate, spetterebbero ad altri.

    La Muller la sa lunga, in ogni caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La seconda regola credo che sia: non darti colpe che non esistono! ;-)

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione