domenica 10 aprile 2016

Rime per capire

Non intendevo generalizzare

Proprio di te volevo parlare

Io ti guardo, ragazza col pupazzo giallo

Io ti osservo, ragazza mattutina come il gallo

E mi chiedo lei per me cos'è?

Un'amica o una parola di sconforto quando c'è?

Sorrido a te, sembri felice

Ma non preoccuparti, lo so, è solo una cornice

Io e te insieme in questo percorso

che è iniziato e finirà con un discorso

Alzeremo i nostri calici, strette al grido

e a pensarci ancora, un po' rido

Resta ancora qui con me, non te ne andare

L'orgoglio sai, serve solo a separare

Domani sarò pronta a darti il mio sorriso

 Anche se mi hai fatto male

 solo questo vedrai sul mio viso.







7 commenti:

  1. ...riuscire a fare buon viso, anche se a cattivo gioco...
    non è un gioco da ragazzi, non lo è affatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per niente, ma a volta è necessario, soprattutto quando in fondo vuoi bene a chi ti ha fatto un po' del male...

      Elimina
  2. Perdonare chi ha fatto soffrire non è semplice e richiede una forza di volontà molto grande.
    Il problema è che non si torna mai davvero indietro.
    Se lanci un sasso nell'acqua, questa s'increspa ed anche quando si sarà calmata, il sasso rimarrà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado avanti, posso anche perdonare, ma non dimentico. Non dimentico mai...

      Elimina
  3. C'è un tempo per ogni cosa...anche lasciare andare.Ciao cara Lola

    RispondiElimina

Il cliente ha sempre ragione