mercoledì 13 aprile 2016

Sei piccola

Quando sono arrivata in ospedale eri lì, seduta ai piedi del letto, nel tuo pigiama bianco e azzurro con i fiori, e ti ho sorriso. Per la prima volta in vita mia ti ho vista piccola piccola. Quasi minuscola, con quel naso stretto e liscio, le labbra sottili, gli occhi grandi e il biondo dei capelli che ti sfiora le guance. Un po' tesa, io forse più di te ma faccio finta di niente. Mio zio però mi dice che devo stare tranquilla. Ora sei qui che cerchi di dormire, è andato tutto bene ma non riesci ancora a parlare molto. Io sono qui, starò qui fino a quando non ti rialzerai con le tue forze. A bagnarti le labbra e la fronte, a vegliare sul tuo sonno. E poi torneremo insieme a casa. A litigare di nuovo su chi deve lavare i piatti. E mi dirai ancora che non ti piace lui, perché è più piccolo di me. E faremo insieme le tue torte preferite e mi racconterai ancora di quando litigavi con papà. Ti voglio bene mamma.

5 commenti:

Il cliente ha sempre ragione