domenica 3 luglio 2016

Tratto da: ho cancellato l'altro post perché non mi piaceva ma tanto non ve ne siete neanche accorti, lo so.

Fate attenzione alla tristezza. È un vizio.

[Gustave Flaubert]


E così riassumo in poche parole (non mie) questa ennesima settimana altalenante. Nell'umore. Forse dovrei ricominciare a fumare, o qualsiasi altra cosa che mi faccia sentire umana e peccatrice, perché quest'aria da ragazzina triste e depressa non mi s'addice per niente. Devo rialzarmi. Non mi chiamo Clara e, detta tra di noi, Heidi non l'ho mai sopportata. Fossi stata la signora Rottermeier, gliele avrei date anche io di santa ragione, un po' come la Germania ieri ai rigori contro l'Italia. Esistono veramente così tante persone cattive o sono io quella sbagliata? Hai ragione Gabbo, siamo sette miliardi di cazzo di persone di merda che vivono delle sofferenze altrui, godendone come puttane e corrodendosi di invidia e gelosia. E le persone come me e come te, no, non sono diverse. Non siamo speciali. Siamo soltanto rimasti a casa a guardarvi nel grande schermo, mangiando pop corn, ridendo della vostra pochezza. Sorridi, alza gli occhi. Produci. Consuma. Crepa. (citazione irrisolta).

22 commenti:

  1. io appena aperto, l'ho visto, aperto e puff sparito...
    però questo è più concentrato, ma il senso non cambia.
    Allora, che facciamo? È solo tempo di esami e di voglia di evadere, stringi ancora un po' le zanne e poi mordi la vita là fuori ;)))
    magari un bel posto tipo, che so? le terme... sole e bellezza sopratutto non da sola claro Lolita ? kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio un posto a caso, le terme ;) in realtà Sì, mi rendo sempre più conto che questo mio malessere è dovuto a tante cose che, alla fine sono solo stronzate, però fanno male lo stesso perché mi chiudo nel mio cerchio e a volte è difficile romperlo. Però sai che c'è? Posso anche star male però mi sono scocciata di farlo sapere al mondo intero, me lo tengo per me e provo a rialzarmi... e no, non sono sola lo so ;) baci bella

      Elimina
    2. si ti capisco...infatti cerco di farlo anche io.
      adesso per esempio sto' contando fino a che non sbollo l'ira che una stronza di collega mi ha fatto salire...e sono già a 80
      cazzo!!!!!
      se leggerai di una morta per strangolamento, portami le arance ;)

      Elimina
    3. Facciamo che ti porto le arance a lavoro e ti aiuto a scagliarle addosso alla collega stronzetta? ;-)

      Elimina
  2. Invece me ne sono accorto, e l'ho pure letto! Ma mi piace più questo perché mi sembra più cazzuto.
    Lo scoramento può capitare, quella voglia di non farcela, o quella sensazione che nulla giri. L'importante è non farsi sovrastare da tutto ciò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me dispiace farmi leggere così, perché non sono una rammollita eppure a volte mi atteggio a tale. Però, come ogni volta, stringero' i denti e ci proverò...

      Elimina
    2. Capisco il dispiacere, perché a volte scrivendo ci facciamo sfuggire cose che in realtà non vorremmo dire, o meglio tempo mezzora ci pentiamo di aver detto. Ma va bene così, perché il blog è un unicum, quindi chi ti segue sa che non sei una rammollita come dici tu :)

      Elimina
    3. Grazie Pier. Anche voi mi aiutate, e tanto :)

      Elimina
  3. ...no, non me ne sono accorta, ma questo post non mi spiace...
    metodi personali per contrastare la tristezza: shopping, cioccolato, sesso ben fatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tipo stasera cioccolato e domani shopping. Devo solo prendere appuntamento con l'ingegnere :-D brava tu, hai sempre la soluzione in tre parole ;)

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. A scopo statistico, io non mi ero accorto del post precedente.
    A pareggiare, probabilmente non hai letto il commento che il cellulare ha inviato e che ho cancellato (e che sto riscrivendo).

    Non che ci sia molto da aggiungere a quanto chiunque abbia già detto ma non posso che ripetermi nel cercare la felicità nelle piccole cose.
    Lascia stare il tabacco che non è quella la tua salvezza, no di certo. Ci sono così tanti meravigliosi vizi nei quali eccedere per sentirsi umani.
    Ma vuoi davvero, poi, sentirti umana?
    Non trovi che sarebbe meglio appellarsi a quella parte meno umana (ma non meno crudele) che ognuno si porta dietro?
    Non ti dirò "forza" perché di forza ne hai da vendere (scusi, quanto fa al kilo?).

    Produci: fatto.
    Consuma: continuamente.
    Crepa: ci stiamo lavorando, ci vuole tempo.
    In fondo è solo una questione di qualità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti sapere che sono onnisciente, quindi si, ho letto anche il post che hai cancellato da cellulare :-P

      Forse non vale la pena sentirsi troppo umani però a volte è indispensabile. Quel poco che basta per raggiungere i propri obiettivi, e soltanto dopo preservare la propria individualità. Ci riuscirò? In alto i calici, nel frattempo. ;)

      Elimina
    2. Ad un calice non dico mai di no, il mio retaggio me lo impone.
      Onnisciente o stalker?
      Eterni dubbi...

      Elimina
    3. Sono solo un tantino più tecnologia di te, mettiamola così ;-)

      Elimina
  6. È tutta questione di punti di vista come ti ho ben detto. Stai veramente perdendo qualcosa o stai finalmente uscendo da una bolla torpida di illusioni e falsità? In tempi duri, si escano gli artigli. La tristezza lasciamola alle persone vuote; loro si che hanno da piangere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sto scoprendo, no? O forse lo so già... mi serviva solo un po' di coraggio per ammetterlo a me stessa

      Elimina
  7. E comunque avevo letto anche l'altro post. Non mi sfugge nulla. ��

    RispondiElimina
  8. Carissima Lola, mi dispiace per questo momento di sconforto, il mondo e la vita delle volte diventano davvero difficili e mettono a dura prova la nostra pazienza e felicità. "Esistono veramente così tante persone cattive o sono io quella sbagliata?" giustamente ti chiedi, me lo chiedo anche io spesso, più di quel che vorrei. Io penso davvero che il mondo sia pieno di persone cattive, ma spesso le incontriamo nel nostro cammino perché per qualche questione irrisolta con noi stessi e con ciò che siamo, ci circondiamo di persone così, non belle, che alla fine ci fanno male, certo inizialmente diverse da quel che alla fine appaiono, ma in fondo in fondo sin da subito il sentore che fossero così lo avevamo.... Un abbraccio e un bacio grandi grandi e forti forti <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, forse la puzza di marcio la sentiamo subito... è che facciamo finta di nulla, a volte, facendoci ancora più male! Grazie e un abbraccio a te <3

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione