venerdì 9 settembre 2016

Il fuoco addosso

Tutti a dire che Settembre è il vero capodanno, che c'è un nuovo inizio, la scuola il lavoro si tirano le somme e bla bla bla. E io? Una settimana fa ho comprato l'henné rosso, con la voglia di dimostrare a questa chioma che continua ad allungarsi che sono forte e che il colore del fuoco non mi fa paura. Nella speranza di trovare un pomeriggio da dedicare solo ai miei ricci capricciosi, ho avuto una notizia che mi ha spenta un po'. Niente rosso fuoco in questo cuore, solo tanta tristezza, delusione. Improvvisamente mi sono sentita disorientata. Tutti i progetti che dovevano iniziare da qui a un mese fino al più o meno programmato giorno della laurea, sono andati a farsi benedire, per il momento. E' tutto slittato, è tutto da rivedere, da riconsiderare. Devo operarmi, e pure alla svelta, dice il medico. Un mese, massimo due. Niente di troppo serio, però mi fa paura. A distanza di sette anni, dovrò bucare la mia pelle negli stessi punti. Un punto all'ombelico e due sotto la pancia, per togliere una fastidiosa cisti ovarica che continua a crescere, senza fermarsi e che no, non mi fa stare bene. E lo senti, quando il tuo corpo non funziona come dovrebbe. Non ti ascolta, non ti senti a tuo agio. Sapevo che questo giorno presto o tardi sarebbe arrivato e so anche che ormai è un intervento di routine, però la notizia mi ha scosso lo stesso come una doccia gelida in pieno ferragosto. Un gavettone non desiderato. Dovrò comunque ricoverarmi, pregare gli dei in cui non credo che tutto andrà bene, perché un'ipocondriaca come me sa bene che la gente oggi muore anche di appendicite, figuriamoci se non me la farò sotto quando l'infermiera vorrà convincermi a fare l'epidurale e io, in preda a una crisi epilettica, dovrò farmi sedare. Poi i punti, il dolore, l'anestesia. Tutti i parenti che mi verranno a trovare a casa con un pacchetto di cioccolatini che non potrò mangiare, ognuno con un'opinione diversa sul mio stato di salute della quale me ne sbatterò altamente i controcazzi. Stanca, sono stanca di programmare la mia vita e vederla andare ancora una volta dove cazzo vuole lei, senza chiedermi il permesso, senza sapere se sono d'accordo oppure no. Però ho deciso, ed è questo che conta. Ho deciso che mi iscriverò lo stesso in palestra e che ogni mio progetto futuro sarà fatto, ovviamente soltanto dopo l'operazione. La salute prima, no? E anche se lo sconforto è tanto, no, non posso permettermi di non sorridere, di non essere forte, di non sognare ancora. Forse la vita mi sta ancora mettendo alla prova e dopotutto sono a un passo dalla gloria, abbiamo soltanto rimandato i preparativi. Posso aspettare. L'henné no, non aspetterà. Voglio il fuoco addosso, per prendere per le corna questo Settembre bastardo. 

19 commenti:

  1. Cara Lola ti capisco e ti sono vicina! So che vuol dire fare entra ed esci da gli ospedali (per motivi diversi sì, ma per certi versi simili) e so cosa voglia dire programmare qualcosa e vederla slittare per cause di forza maggiore.
    Però dobbiamo esser forti, far buon viso a cattivo gioco e andare avanti dimostrando a tutti che abbiamo la scorza dura come una testuggine!
    Fa l'hennè e diventa una bellissima pel di carota :P :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimostrare agli altri di essere forte, per non vedersi addosso occhi pietosi? Anche, però sai voglio cercare di essere forte per me stessa, perché è solo di me che ho bisogno e devo farcela solo per avere il coraggio di guardarmi allo specchio tutti i giorni... poi sarà il tempo a dire chi l'avrà spuntata, ma noi super sfigate abbiamo qualche marcia in più ;-))
      Lo spero tanto di diventare pel di carota, vi farò vedere a breve i risultati :-p :*

      Elimina
  2. andrà tutto bene Lolita bella...sai bene che il " pensiero negativo" non aiuta.
    Meglio che slittino i piani che altro.Io sono a disposizione eh? ricordalo!
    in bocca al lupo.:)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se pur dobbiamo andare incontro a questo destino, tanto vale ridergli in faccia no? È solo questione di tempo, devo metabolizzare un po'... e poi verrò a casa tua, sai? ;-)) un abbraccio a te ♡

      Elimina
    2. avevo capito...dammi notizie ;)

      Elimina
  3. Mi spiace per questa operazione improvvisa. Un grosso in bocca al lupo e spero che tu possa tornare presto con i tuoi progetti!
    Un abbraccio e daje di henné che fa sempre bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier... e purtroppo è così, il nostro corpo non accetta suggerimenti e ci obbliga a fermarci e ad ascoltarlo... un abbraccio a te :))

      Elimina
  4. Ti mando un abbraccio grande, grandissimo. Per l'intervento, per i progetti che si realizzeranno, per la cioccolata che non puoi mangiare (se ti va di spedirmela, seriamente, penso ne avrò un bisogno patologico, nelle prossime settimane), per i capelli che io non avrei mai la forza di tingere e per tutto il resto. E vedrai, vedrai, vedrai che andrà tutto bene, e che troverai un modo per vivere questa nuova situazione senza avere troppa paura e trovando un motivo per sorridere e per distrarti, foss'anche la tinta per i capelli.
    baci

    RispondiElimina
  5. Certe notizie non sono mai piacevoli ma te sei una forza della natura e sono sicuro che ne uscirai vittoriosa (oppure darai fuoco all'ospedale in preda all'ira. L'importante è il risultato).

    In bocca al lupo

    RispondiElimina
  6. Lola mi dispiace tanto per questa doccia gelata, ma vedrai che andrà tutto bene (e, da ipocondriaca, so che sentirsi dire "andrà tutto bene" non è molto utile), ma come ti hanno già detto altri, tu sei una tosta e ne uscirai vittoriosa.
    (e io ti mando un abbraccio, Lola, ma uno forte eh!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'altro giorno facevo le mie statistiche e me ne sono uscita con un "tanto la gente muore anche di appendicite"... l'ottimismo è il profumo della vita! (e ricambio l'abbraccio <3)

      Elimina
  7. Patatina leggo ora, mi dispiace tanto per l'intervento ma forza e coraggio sono sicura che come prenderai questo Settembre per le corna, riuscirai a prendere anche questa sfiga per le corna! Un bacio e un abbraccio grande grande sicura della tua forza e della tua grinta! <3

    RispondiElimina

Il cliente ha sempre ragione