martedì 11 ottobre 2016

drindrin plilplin

Sveglia alle 5.50, un'altra mattinata in ospedale. Forse la ricoveriamo Venerdì, mi borbotta il primario, che mi tiene così forte per un braccio da farmi uscire un ematoma. Io che sbianco per la notizia avuta così su due piedi, per poi essere invitata insistentemente ad urinare prima di un'ulteriore visita ginecologica di controllo. Avevo fatto plinplin dieci minuti prima ma l'infermiera ci teneva così tanto a quella gentilezza, sicché sono andata.

- quanti hanni ha?
-26
-beata lei! Perché non fa un figlio?
- no guardi non è il momento...
- peccato! 
- eh... (ci risiamo con la solita manfrina alla #fertilityday)
- uh, ma che bell'utero che ha!
- ah ah... (detto da un ginecologo... dite che ce sta a provà?)
- qui vedo che è un po' al limite
- (al limite de che? Non si è capito)
- si rivesta.
- eh
- le faccio una proposta: io aspetterei che le venga il ciclo, poi una volta finito scappiamo insieme!
- cos?


E dopo aver finito con le battute simpatiche (almeno ha provato ad allegerire la mia tensione, questo glielo devo), mi ha spiegato che forse la mia situazione è migliorata, che le mie ovaie non sono da operare. Forse. O forse no, lo scopriremo tra una quindicina di giorni. Quindi si attende ancora. Dovrei forse rallegrarmi per questo barlume di "speranza" e un po' me ne rallegro, ma non voglio crederci ancora. Mi aspettano altre telefonate, altre visite, altri controlli. Forse sarà stato solo un periodo come tanti da cancellare dalle memorie di Lola, o forse da imprimere ancora più forte nella memoria, per ricordarmi che fino all'ultimo tutto può cambiare. Anche quando non ci credi o ti sei stufata di aspettare. Gioco ad organizzarmi la vita ma so che non serve a nulla, mai come adesso la mia vita è improvvisazione. E va bene così. Indosso la mia maschera e recito la mia parte, ancora. Non posso fare altro. Forse sì. Tipo farmi un altro henné e diventare un po' più rossa. Che porta pure bene. 

[foto rimossa]

11 commenti:

  1. Ti vorrei citare una delle leggi di Murphy, ma non
    ci conosciamo abbastanza e l'argomento è sensibile.
    Comunque andrà tutto bene, vedrai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me viene in mente "Se le cose sembrano andar meglio, c'è qualcosa di cui non stiamo tenendo conto" ;-) io non sono né ottimista né murphista: me sono solo rotta 'n po' le ovaie, tanto per restare in tema :-D

      Elimina
  2. toh! ecco il marpione di vipero dalla mia amica ;DD
    non ti azzardare a fare la citazione ok? mi deprimi la pulzella.
    Lolita bella, sono convinta che risolverà per il meglio.
    bella rossa, ma non calcherei la mano ;))
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai cannato consonante mia cara, io sono marcione :D.

      Elimina
    2. Non mi intrometto tra le vostre beghe ;-pp
      Io aspetto... che altro posso fare? ^^
      Non preoccuparti per il rosso... andrà via presto... questo hennè cade dalla mia testa come le foglie :-D baci

      Elimina
    3. nessuna bega, anzi, vipero è l'unico amico che ho nel web ;DD

      Elimina
  3. Non sapevo di queste vicende uterine... Dai, si risolve tutto e hai pure guadagnato uno spasimante!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno spasimante di circa trent'anni più "maturo" :-p ormai mi piacciono piccoli xD

      Elimina
  4. In bocca al lupo bellezza. Son cose delicate, ma risolvibili.
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so lo so. Niente di irreparabile, solo grandi rotture di matons. Grazie <3

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione