domenica 16 ottobre 2016

Manca

Mi manca. Quel pezzo di adolescenza in cui mi esaltavo per tutto, esploravo l'erba del vicino. Mi stupivo per il nulla, perché fino a quel momento non avevo avuto il brivido di possedere neanche quello. Ogni passo era conoscenza, ogni boccata di fumo aria che sapeva di libertà. E adesso? Ascolto i nuovi singoli di quelli che dovrebbero essere i miei gruppi preferiti e mi sembra di ascoltare solo ovvietà rimescolate, dove si sente ancora la puzza di vecchio. Forse sono io che non mi stupisco più di nulla. Forse sono andata troppo "oltre" e adesso è difficile trovare qualcosa che mi dia ancora un brivido di curiosità. Un film, una canzone, un racconto, un dolce.

18 commenti:

  1. A Lo'... Me vengono solo parolacce. Mejo che soprassiedo va'.

    RispondiElimina
  2. Lolita bella, ci penso spesso ultimamente.
    Mi sembra di procedere per inerzia, quasi tutti i giorni.

    RispondiElimina
  3. Eccallà... ma che è? n'epidemia?
    va bene un momento di sconforto, va bene qualche pensiero malinconico, va bene perfino la nostalgia (io sono campione del mondo al riguardo).
    C'è sempre un buon motivo per essere infelici, ed un altro per alzare gli occhi al cielo e godere dell'irriducibile follia che il mondo continua ad offrirci (non è mia, ovviamente, cito una mia meravigliosa amica).
    Basta scegliere. Da che parte volete stare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo direttamente qui, perché il commento sopra te la potevi anche risparmiare, a mio avviso, però a quanto pare abbiamo la libertà di parola. L'hai detto anche tu, un attimo di nostalgia, punto. Non è che ancora me sto a fa' la pippa mentale. Eddaje ;-)

      Elimina
    2. Ah ma che tifi Napoli? Bastava dillo... :D :P

      Elimina
    3. Ecco, hai centrato il punto :-D

      Elimina
  4. ha ragione Vipero...però aggiungo che nel genere cosìdetto femminile, gli ormoni rompono e pure parecchio, sull' umore ( ok! lo so che appare un luogo comune, però oh! è vero) aggiungi il periodo non proprio idilliaco del mondo, mescola con l'autunno, il risultato è questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo una semplice botta di malinconia della domenica pomeriggio, stop xD

      Elimina
    2. Si lallero. Se S. dice che ho ragione halas. Finito. Punto. Ho vinto io gnè gnè gnè :P
      (OK bannato vabbè pazienza ciao)

      Elimina
  5. io, nel corso della mia adolescenza, ero più il tipo convintissimo di sapere tutto... e sebbene sperimentassi quasi tutto per la prima volta, me la tiravo come se fossi una donna davvero vissuta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi eccoci qui, donne "vissute" e consapevoli dell'assioma socratico ;-)

      Elimina
  6. A me capita una sensazione praticamente uguale nei periodi di lunga apatia, però, se ti può consolare un po', poi succede qualcosa e torno a sentire il brivido di curiosità per le cose (cose non mi piace, ma non trovo un termine adatto, passami cose). Non perdere la speranza, non sei andata troppo oltre, semplicemente ti servono cose nuove che non hai ancora trovato per riuscire a sentire di nuovo il brivido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'apatia c'è ogni tanto, e forse anche un po' di disorientamento... ci sarà qualcosa di nuovo capace di farmi accapponare la pelle come allora? Chissà

      Elimina
  7. Come ti capisco, io sulla soglia dei miei 24 anni (cioè fra 3 giorni esatti) penso davvero che non ci sia più nulla che mi sorprenda, persone incluse! Non so, Lola, forse siamo solo in un momento no...Lo spero tanto! Un bacio e un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo troppo disilluse, e la nostra età invece dovrebbe essere piena di speranza! Magari passa, io me lo dico sempre! ;-)

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione