giovedì 22 dicembre 2016

Cara "amica",

Forse non è neanche il caso di scriverti questa lettera che non leggerai mai, però lo faccio lo stesso.

Non ci siamo piaciute subito, noi due. O forse solo tu non mi sei piaciuta. Mi sembravi troppo scontanta, una di quelle che si danno troppe arie  e, alla fine dei giochi, mi hai ridato le stesse sensazioni. E' stata l'abitudine a farci legare, lo sai , in quell'aula studio al secondo piano. E così ci siamo scoperte diverse ma curiose una della vita dell'altra. In modo opposto siamo fatte entrambe di ansia e raccontarci ci ha fatto sentire meno sole, a volte. Abbiamo mangiato tante volte insieme, dormito, riso,ballato, preso tanti caffé. Insieme. Ma tu. Tu sei una di quelle persone che si fa condizionare dalle amicizie un po' troppo e quando hai avuto il tuo periodo da troia, mi hai subito messa da parte. Non ti biasimo, non l'ho mai fatto. Ci ho anche provato a farti compagnia in quelle serate in cui avevi soltanto voglia di spompinare il primo ubriaco di turno nei bagni delle discoteche, ma quel mondo non mi è mai piaciuto davvero e mai mi piacerà. Non ci sono riuscita, e lì forse hai iniziato a pensare che volessi fare la "santa" e che ti stessi giudicando. Ci siamo allontanate, e va bene così. Non ho mica rimpianti. Però non ti perdono, per tutte le volte che mi hai giudicata. E non mi perdono, per non avertelo fatto notare. Forse per orgoglio, o forse perché certe cose non si possono spiegare. Se mi hai ferita non si può tornare indietro, non si può rimediare. 
Io non capisco. Non lo capisco proprio perché hai iniziato a provare invidia per quel noi che stava appena sbocciando e che finalmente mi stava portando un po' di serenità. Non capisco il perché quell'improvviso atteggiamento di superiorità, mentre mi dispensavi consigli inadeguati che non ti avevo mai chiesto. Dal è inutile che l'ingegnere continui a fare atletica, a 22 anni dove vuole arrivare, alle olimpiadi? Sta perdendo tempo, digli che si mette solo a lavorare che è meglio! o quando ti sei alzata sul piedistallo solo perché ti avevano smistata ai "piani alti" per la borsa di collaborazione universitaria, mentre io, povera cretina, ero capitata agli uffici sportivi, per poi darmi della "raccomandata", l'anno dopo, perché io ero stata richiamata subito e tu no. Perché? Perché tanta invidia per una misera borsa di studio da 1000 euro? E perché ti sei sentita in dovere di giudicare uno sportivo con qualche sogno nel cassetto? E' vietato mica sognare? Oppure hai smesso di farlo tu, quando sei stata lasciata dal medico e ti sei dovuta "accontentare" di un semplice operaio? E perché fai finta di essere felice mentre ti diverti a giudicare il mondo intero solo per passare il tempo? Perché sei triste, è ovvio. E non sono servite a nulla le tue "richieste" (molto poco gentili) di spiegazioni. Ti tratto con indifferenza perché è quello che ormai meriti da me. Ti tratto con sufficienza perché non sono ingenua, se solo volessi sarei mille volte più stronza di te. Credevo fossimo amiche, mi hai scritto, in una tristissima conversazione di gruppo. Non capisco perché dai tutta te stessa e poi all'improvviso ti alzi e te ne vai. Perché è quello che meriti, non ti sei mai chiesta perché? Ti auguro di sentirti sola quando finirai il tuo corso di studi e ti renderai conto di aver voltato le spalle a persone che ti volevano bene.  No. Non mi hai voluta bene. Però ti ringrazio, perché sto superando i miei limiti, grazie a te.
E no, non sono venuta alla tua laurea. Non mi andava. E non mi importa se hai messo il mio nome nei tuoi ringraziamenti, sottolineando "gioie e dolori". Per me sei stata solo un'altra persona sbagliata da ricordare, con un po' di nostalgia. Non ti auguro di cambiare nè di capire i tuoi errori. Non ti auguro neanche di sentirti sola, perché già lo sei. Ti auguro soltanto di non renderti mai conto di quanto sei triste, perché sarebbe davvero la fine, per te. Ti auguro di riempirti di stupide illusioni e di accontentarti, sempre.


E per la serie "A Natale siamo tutti più buoni", la Lola vi saluta. Magnate tanti panettoni. Sopratutto senza canditi! Besos

21 commenti:

  1. Minchia ma dove caxx l'hai presa questa? ..da saputello come sono mi vien da dirti che avrebbe dovuto tintinnarti prima qualche campanellino d'allarme.. ma sempre da saputello pieno di fregature nel cassetto della memoria.. penso che è meglio se sto zitto... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho presa nel bidone dell'umido xD
      Fidati, tre anni di amicizia si è rivoltata la scena in meno di due mesi. Da amichetta a stronzetta.

      Elimina
  2. Io voglio conoscerti, offrirti un caffè, stringerti la mano e poi abbracciarti.
    Leggendo questa tua lettera mi son venute in mente 3 mie ex amiche.
    Ho detto tutto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, facciamolo! Adoro il caffè e gli abbracci :-D
      Questa è una delle "tante". Vedo che la cattiveria va di moda più della bocca a culo di gallina ^^

      Elimina
    2. Ti dico solo questo: 16 anni di amicizia mandati a puttane per la fidanzata e 10 cancellati dall'oggi al domani perchè...ancora non lo so a distanza di 5 anni dall'accaduto :D L'amicizia, quella vera, ormai è svalutata se non inesistente...

      Elimina
    3. Ahimè, concordo. Sai quanti mi consigliano di "mantenere la facciata"? Io sarò all'antica, ma non ci riesco!

      Elimina
    4. Nemmeno io ci riesco! Preferisco fingere che non ci siam mai conosciuti sinceramente!

      Elimina
  3. Mi son ritrovato in questa lettera perché mi son ritrovato una amica così, non era un nuova conoscenza anzi, e sapeva come farti sentire giudicato e fuori luogo in ogni cosa. È bruttissimo come atteggiamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che più ti conoscono e più hanno elementi con cui farti del male. E lo fanno, senza se e senza ma.

      Elimina
  4. Mamma mia, che storie.
    Certo, ve ne siete detti di ogni. O meglio, lo ha fatto lei: leggerà mai quel che le hai scritto qui?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe, conosce la mail legata al blog, e ora che si è laureata avrà taaaanto tempo libero :-D

      Elimina
  5. Sta cosa del panettone senza canditi deve finire però. Una vita senza canditi non ha senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io ho scoperto che mi piace la frutta candita eh, però quella che mettono nei panettoni secondo me è plastica :/
      Ps sai che fine ha fatto S.?

      Elimina
    2. P.s. no, niente purtroppo.

      Elimina
  6. Come ben sai, quest'anno anche io ho messo la parola fine su una presunta amicizia che si protraeva con diverse modalità da 10 anni.
    Certe situazioni sono solo un peso. Vedrai che ora andrà meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da sola deve andare per forza meglio, non posso litigare con me stessa... o forse sì 😝

      Elimina
    2. Certo che puoi XD
      E comunque, i canditi sono buoni u_u

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione