sabato 17 dicembre 2016

Domanda di sicurezza

In questi dieci giorni me ne sono capitate un po' di tutte i colori. Ad un certo punto sono arrivata anche a pensare "sto quasi superando Doppio Geffer" e invece no, penso proprio che lei sia insuperabile, però ti faccio compagnia sul podio nel campo "sfiga&figuredemmerda". Del tipo che mi servivano (servono) due libri per la tesi. Una biblioteca, più o meno vicino alla stazione dove prendo il treno ogni giorno di ritorno verso casa, ne aveva uno, o almeno così era scritto sul sito. Un'altra biblioteca li aveva entrambi ma dista non poco dalla stazione. Fatto sta che ho rinnovato per la seconda volta una bibliocard che, al costo di 10 euro, mi da la possibilità di prorogare i testi on line e di effetturare prestiti interbibliotecari all'interno della Capitale. Il libro che cerchi sta a Roma Sud invece tu sei un pariolino del cazzo? Perfetto, te lo mandiamo alla biblioteca sotto casa. Ci hanno messo all'incirca dieci giorni per farmi questo "giochetto". Pazienza, mi dico. Vado a rititare il libro nella biblioteca più vicina e chiedo anche il secondo testo, quello disponibile lì. "Non lo trovo", mi viene detto. Chedduepalle. "Te lo ordino dalla Centrale per Ragazzi, ce lo facciamo spedire col prestito interbibliotecario". Sssssssi. E lì parte la bestemmia, perché il testo numero uno l'avevo ordinato proprio da lì, quindi mi sono sentita presa per il culo. "Tranquilla, non ci mettono tanto, oggi è mercoledì, domani il giro lo fanno da lì, venerdì mattina potrai già ritirare il libro". Ah ah. Dilettanti. Sto ancora aspettando che arrivi, ovviamente.

Sfighe bibliotecarie a parte, mi sono appena comprata un nuovo telefono. E' cambiata un'era per me, perché per la prima volta in vita mia mi sono presa un aifone, con la speranza che mi duri più del Samsung che mannaggiailclero dopo già un anno ha iniziato a darmi problemi di batteria (e non solo). Non è servito a nulla cambiarla, nè accendere un cerino alla madonna. Ovviamente il suddetto telefonino meladieva l'ho preso scontato da Mediaworld. Sennò a prezzo pieno macchitesen*ula. Ecco. E niente, dopo aver comprato la nano sim che ora si intona alla padrona e deciso di configurarlo, mi appresto a recuperare i dati di un mio vecchio account ID Apple. "Vuoi recuperare i dati con una mail o rispondendo alle domande di sicurezza?". Clicco la seconda, a mio rischio e pericolo lo so, anche perché saranno passati quasi dieci anni dalla creazione di quell'account. La prima domanda è "Dove sei andata la prima volta che hai preso l'aereo?". Facile. La seconda invece mi ha lasciata un po' perplessa inizialmente. "Qual è il tuo lavoro dei sogni?". Maestra, ha risposto subito la lingua. E invece no, mi sono fermata un attimo a pensare prima di rispondere. Sono tornata indietro alla Lola di allora, ho scavato dentro di me e, un po' preoccupata, ho dato quella risposta che un po' di inquietava. Giusto. E così mi sono tornati in mente quei sogni che poi ho abbandonato, quei sogni che mi facevano sfiorare le nuvole e che adesso, da questa terra, faccio finta che non esistano più. Non mi pento, no di certo. Però sarebbe bello poter guardare, in una bolla di vetro, la vita delle scelte azzardate, non trovate?

8 commenti:

  1. Beh, ma allora qual era il lavoro dei tuoi sogni??
    Volevi fare la maestra??^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo scriverlo Moz, ma poi ho pensato che poteva nuocere alla mia privacy e ho preferito fare la misteriosa u.u
      In ogni caso no, non era la maestra :-D

      Elimina
  2. Non vorrei spaventarti, ma l'ifone della eppol sarà il più grosso errore della tua vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tre Galaxy di fila sono stati l'errore più grosso della mia vita. Io in realtà volevo farmi un nokia 3310, ma dicono che non abbia l'accesso a Internet :-D

      Elimina
  3. "sto quasi superando Doppio Geffer" e invece no, penso proprio che lei sia insuperabile, però ti faccio compagnia sul podio nel campo "sfiga&figuredemmerda".

    Che bello, sono diventata un esempio per tutte xD
    Scherzi a parte, grazie per aver pensato a me :*
    Comunque....la cosa della bibilioteca beh, normale burocrazia! Anzi qui questi scambi interbiblioteca o quello che è ce li sogniamo!
    E per il cellulare...mi sa che non hai fatto un grande salto di qualità dal Samsung all'Iphone! Io ho il Samsung e quindi so cosa hai passato con il tuo vecchio cel, ma molti miei amici con iphone mi sconsigliano di acquistarlo per problemi più o meno simili a quelli che danno i nostri vecchi cel!
    Meglio un Asus o l'Huawei (si scrive così?)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sì sei un esempio di grande valore u.u
      Io non ci voglio entrare nella "guerra" dei telefoni. Ora ho questo e mi prometterò di trattarlo bene, perché davvero se non ci sai fare ti freghi da solo, che sia iPhone o wiko ecc, credo. Poi non sono un'ingegnere e lascio queste diatribe volentieri agli esperti dell'informatica xD

      Elimina
  4. Pensa che perfino io, dall'era del telefono a gettoni, sono passato ad un modernissimo (stocazzo) Hawuei o come cazzo si scrive che non ce l'ho sotto mano. Tanto la batteria dura poco comunque dopo un anno che ce l'ho.

    Però sai che sono una donnetta curiosa. Non penso di aver mai saputo quale fosse il lavoro dei tuoi sogni 10 anni fa, quindi illuminami (anche perché è buio e non ho voglia di alzarmi ad accendere la luce).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto (scritto) troppe volte "cazzo". Mi sa che non ti piace questo Hawei xD
      Comunque, scrivimi tu che ho perso un fottio di numeri nel cambio telefono xD che forse te lo dico u.u

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione