martedì 28 marzo 2017

Di Firenze

Non sono sparita per l'ennesima volta. Ho scritto tanto in queste settimane, ma puntualmente è andato a finire tutto nel cestino, ogni volta. Avevo scritto di Firenze, di com'è andato il weekend tanto atteso, dell'intimità recuperata, della gioia nel vedere la Venere di Borticelli. Ma è successa anche un'altra cosa, in quel di Firenze. Una cosa molto singolare. Sono stata in un night, per la prima volta. E ci sono stata con lui, L'ingegnere. Cosa porta due giovani ragazzi ad entrare in un locale notturno nella città dell'arte? Beh, tanto per cominciare il primo cartellone che abbiamo visto appena abbiamo messo piede a Firenze è stato quello di una serata a "tema" con Rocco Siffredi. Per dire. E poi, sono la Lola, non si fanno troppe domande. Però poi ho cancellato tutto, ho pensato che certe cose non bisogna scriverle, sono "troppo". Però poi mi sono anche ricordata che questo è il mio posto e non posso comportarmi come se fossi nella piazza del mio paese di residenza, dove devo stare attenta a ciò che dico o indosso per non far "parlare" gli altri. Qui non mi importa davvero ciò che pensano gli altri abitanti della blogsfera e allora sì, sono entrata in un locale a luci rosse. Ho cenato, mi sono goduta lo spettacolo di lap dance seduta comodamente sulle poltrone di pelle insieme al mio uomo, in prima fila. Mi sono divertita, e mi sono anche eccitata, sì. E no, non c'è stata gelosia dopo tra di noi. Nessuna incomprensione. Lo volevamo entrambi, e lo volevamo fare insieme.

E poi? E poi abbiamo visitato il Duomo, il Battistero, abbiamo salito (e poi sceso) i 414 gradini del Campanile di Giotto e goduto della veduta e del vento su in cima. Siamo andati a Ponte Vecchio, ho raccontato all'ingegnere la storia degli orafi ebrei, abbiamo bestemmiato perché i fiorentini chiudono preso i ristoranti. Abbiamo visto tutto quello che dovevamo vedere ed è stato bello passeggiare per la città guardandone i dettagli sbiaditi. Non sono una vera turista, mi piace vedere i posti da non perdere, ma odio seguire troppo le guide di trip advisor prima di andare da qualche parte.

Mi piacciono queste pause, mi piace potermi prendere un po' di tempo con me stessa, un po' di tempo con lui. Giusto il tempo di darmi una carica e di riuscire a gestire la mia vita universitaria lì fuori.

ps finalmente sono riuscita a editare il post come volevo, me felice!

Florence

10 commenti:

  1. Beh mi sembra che il tuo giro mi sia stato un po' diverso dai giri turistici classici ;)
    Avete nutrito corpo e mente, diciamo così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massì, mi piace come concetto, direi che ci calza a pennello :-D
      Ps comunque lo scrivo qui a te ma voglio scusami con tutti per l'impaginazione del post: di solito faccio di meglio ma ho entrambi i pc rotti a casa e da telefono bloggare è un mezzo suicidio :/ baci

      Elimina
  2. Io sono entrato per la prima ed unica volta in un night per celebrare un addio al celibato. Organizzato più per compiacere gli organizzatori che il festeggiato.
    Devo dire che lo spettacolo, dal vivo, m'ha lasciato piuttosto indifferente. Ed è stranissima sta cosa, detta da me. Ma tant'è.

    I miei due centesimi: non dovrebbe importartene al paesello. Lì si che dovresti essere te stessa, fiera e consapevole, fregandotene altamente delle chiacchiere, se mai ce ne fossero.

    Qui dentro conta. zero. fine della conta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse era più la situazione, lo stare lì insieme. Da sola non ci sarei mai entrata, per dirti...

      Il paesello ho smesso di frequentarlo da un po', in realtà. E indatti ora sembro un po' la straniera di turno, nessuno che si ricorda di me. Col tempo però ho capito che le "chiacchiere" ci sono ovunque. E sì, alla fine provo ad essere me stessa, ma quando c'è di mezzo la famiglia non è sempre così facile... e qui chiudo il discorso tortuoso ;-D

      Elimina
  3. Tutte ste pippe mentali per un night? Ci sono andato anche io nei night, che vuoi che sia XD
    Bella Firenze :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah dimenticavo che qui siete tutti porci! :-P scherzi a parte, in realtà le mie pippe mentali erano più per il fatto di esser entrata in un night in quanto donna: in giro per il web non sai quante ragazze o donne che, magari per curiosità, sono entrate in un night, e l'hanno vissuta malissimo, esperienze desolanti... per non parlare poi dei pipponi su queste "povere" ragazze dell'est sfruttate. E allora mi sono detta: e se poco poco dico che mi è piaciuto ora che succede, sono cattiva? :-D

      Elimina
  4. Sicuramente Firenze va visitate in più di un giorno per poterla "vivere" bene (compresi i ristoranti che chiudono presto).
    Per il blocco non ti preoccupare: sarà periodo. Basta che non sparisci del tutto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente, sopratutto se vuoi anche arrischiarti a salire il Campanile o a perderti per qualcue strada (e anche per visitare qualcue sexy shop... ci vuole tempo u.u).
      Non sparisco mai davvero... torno sempre ;)

      Elimina
  5. Firenze per me è quasi una seconda casa (ho un amico che se va, chiede a me dove andare a mangiare, come se ci abitassi in pianta stabile, per farti capire come la conosco e la amo), ma sai che non ho ancora trovato il coraggio di salire i gradini del campanile? Mi dicono tutti che la vista da su sia ancora più bella che dal Piazzale, ma io di salire tutti quei gradini e nello stretto non ne ho la forza. AHAH

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daii! A me hanno messo tanto paura le persone che ci sono salite prima di me. Ammetto di essere quasi morta verso la fine della salita (ho pure mezzo litigato con l'ingegnere perchè mi ha spinta mentre mi stavano per cedere le gambe xD) però ce la si fa, non stare a sentire tutte le leggende metropolitane... ce l'ho fatta io che sono una pigrona xD La vista è davvero impagabile, mi sono emozionata <3

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione