domenica 16 aprile 2017

Credevo di aver tempo, tra una pastiera e un paio di chili di salumi da tagliare a cubetti (per il casatiello), di dedicare un minuto alla Lola. E invece no. Mi sono persa tra le tradizioni della mia terra, e non c'è cosa più bella (e buona) del cibo che unisca la famiglia. Per quanto sia miscredente, trovo che questi momenti di unione "forzata" che ho avuto in cucina con mia madre, tra una pasta frolla e l'altra, mi abbia fortificata e reso più consapevole. Il cibo parla di te. E non c'è cosa più terapeutica per la mente che inebriarsi di aromi fioriti per creare cose buone. 

Lo so, ho detto troppe parole dolci in queste righe oggi, la resurrezione di Cristo mi rende meno stronza e cinica. Saluti dalla Lola.
 

19 commenti:

  1. Sta mattina mi sento davvero risorto.
    Non come mia madre, che ha bevuto più di me ed è a casa con un cerchio alla testa.

    Detto questo, penso potrei uccidere per una fetta di pastiera fatta bene, come la fate voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povera mammina xD

      I know, le mie pastiere hanno fatto il giro d'Italia :-p

      Elimina
    2. A memoria mia, quella arrivata da me era made by mamma :p

      Elimina
    3. Potrebbe essere :-p negli ultimi quattro-cinque anni le facciamo insieme, ovviamente io ricopro sempre i ruoli da aiutante-serva tipo "mescola quello, taglia questo" però dopo anni di "praticantato" so farla per intero la pastiera 😜

      Elimina
    4. Allora la prossima volta ne fai una per me (o mi insegni a farla)

      Elimina
  2. Che bello che tua madre voglia condividere con te la preparazioni dei pranzi in famiglia! Mia madre non ci pensa nemmeno anche perchè sa che litigheremmo anche sull'aria che respiriamo!
    Ma infatti quest'anno ho deciso di giocare d'anticipo....facendomi venire la febbre il venerdì prima di pasqua. -.-
    E sì, son ancora a casa ammalata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tranquilla che abbiamo litigato lo stesso, tipo che io ero super concentrata per fare le strisce di pasta frolla sulla pastiera e lei da mamma-social "guarda questo video, dai dai guarda questo video" e io con la solita mia delicatezza l'ho mandata al Diavolo xD
      Comunque spero che a Pasquetta sia uscita... ti viene la febbre sempre nei momenti meno opportuni :( besos

      Elimina
    2. No non son uscita anzi, la mia "prima uscita" è stata oggi per andare in laboratorio ma non appena ho incominciato a tossire tipo appestata la prof m'ha rimandata a casa =°°

      Elimina
  3. Quest'anno mi sono cimentato, per la prima volta, a preparare la coratella.
    Scoprire figlio grande che se la mangia di nascosto prima di servirla... Beh ho fatto il pieno d'orgoglio :)

    Tietteli stretti sti rapporti con la famiglia. Sono momenti preziosi, ai quali aggrapparsi quando c'è bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai assaggiata la coratella, mi hai fatto venire l'acquolina in bocca... alla faccia di Berlusconi :P

      Beh, in famiglia ci sono sempre alti e bassi... però sì, me li godo questi piccoli momenti di pace!

      Elimina
  4. Una Pasqua di resurrezione... dei buoni sentimenti. Non male dai!

    RispondiElimina
  5. ...beh direi che come pasqua è perfettamente lineare...
    e tu sei totalmente in linea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, in linea non direi, se parliamo di peso forma :-D

      Elimina
  6. Ma...ma...pastieraaaaa (la mia attenzione si è fermata alla settima parola del post, lo so, perdonami). Ti invidio, far cose buone (e farle con amore per gli altri) deve essere un ottimo balsamo per lo spirito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è sola cosa che in famiglia riesce ad unirci un po' ^^

      Elimina
  7. Ultimamente scorgo pastiere in tutta Italia, dalla Sicilia all'Abruzzo al Piemonte.. continuo a fidarmi solo di quelle di Gaeta.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, di quelle del Piemonte non mi fiderei neanche io :p

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione