lunedì 3 aprile 2017

Io Sto Bene.

Ho smesso di fumare. Vivrò una settimana di più e quella settimana pioverà a dirotto. (Woody Allen)


Ogni tanto ci ripenso, ai miei ritmi di vita. Sono decisamente cambiati. Ormai è passato più di un anno dall'ultima volta che ho toccato una sigaretta, ma non è questo il punto. Non ne ho più voglia. Fino a qualche mese fa, lo ammetto, avevo ancora quei "picchi" di nervosismo dove desideravo ingurgitare nicotina e catrame in modo incontrollabile. Ho resistito, e ci sono state alcune occasioni in cui sono stata molto tentata a ricominciare. "Che sarà mai un tiro... magari solo mezza sigaretta...", mi dicevo, anche se era chiaro che anche una sola boccata di tabacco mi avrebbe fatto ricominciare a fumare le solite tre/cinque/dieci sigarette al dì. E invece ce l'ho fatta, ho resistito. Mi sono detta no. E adesso non ne ho più voglia, non lo cerco più. E non ci credo neanche io, perché è stato talmente duro arrivare a questo stato di "indipendenza" che quasi non ci credo. Mi sono sentita una tossica. Solo adesso se mi guardo indietro mi rendo conto di quanta dipendenza mi ha dato la nicotina. E non è vero che hai la situazione sotto controllo, è una stronzata. Io spesso ho fumato anche quando avevo l'influenza e il catarro che mi impediva di respirare bene, ed è da pazzi.

Adesso invece la Lola si prepara il suo bel borsone nero e fucsia della Decathlon, e il lunedì si alza (non troppo) presto per andarsi ad allenare al corso di atletica. E lo sento, il mio respiro, che butta fuori ancora un po' di merda che ha tirato dentro. E sono felice, nonostante preferisca ancora stare seduta sul divano a mangiare una torta al cioccolato. Sto bene. Ecco, l'ho detto. E non me ne pentirò facilmente.

10 commenti:

  1. beh, complimenti, risultato a dire poco eccellente!

    RispondiElimina
  2. Strano a dirsi, nell'ultimo periodo, stavo seguendo un sentiero diametralmente opposto al tuo.
    Sentiero che, fortunatamente, si è interrotto, prima che mi sentissi giustificato nell'imboccarlo.

    Son più che felice dei risultati che ahi raggiunto.
    Più di ogni altra cosa, mi rendono felice quelle due piccole grandi parole.
    "sto bene".

    Non posso sperare di più per te, se non il tuo benessere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe strade meglio non intrapenderle. Possono essere errori di gioventù, ma quando si inizia ad arrivare ai 30 non sono catalogabili in "gioventù" e quindi ancor meno giustificabili u.u

      Nel mio immaginario la Lola si rolla ancora il suo tabacco tra un caffè e l'altro, ma a quanto pare mi è rimasto solo il caffè.

      Elimina
  3. Che poi fumare fa schifo, quando inizi.
    Mica è come il cioccolato.
    È solo quel cazzo di fascino che ti inculcano in ogni dove.
    Fumi, sei figo, figa, roba da grandi. E si abbocca, senza (quasi) ritorno.

    Brava.
    Sono fiero di te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, io ho cominciato a 16 anni, come "regalo" per i 18 anni della mia best friend di allora (pensa che cogliona), però mi faceva schifo veramente, ci ho messo qualche anno prima di cominciare "sul serio". Vorrei tornare indietro nel tempo e prendermi a pizze in faccia.

      Elimina
  4. Grande, di certo una battaglia vinta :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Quanto mi piace sbeffeggiare gli amici con la sigaretta: "Ancora fumi?!? Anch'io da piccolo mi facevo la pipì addosso...ma poi ho smesso!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cattivello... meno male che ho smesso :-D

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione