domenica 28 maggio 2017

Attacchi di tempo libero

Il tempo è relativo e, anche se suona un po' di frase fatta, è quello che ho avuto modo di sperimentare in questo periodo. Sento la stanchezza delle giornate piene addosso, ma ho anche il mio tempo, quello che mi sono ripresa. Nonostante il tirocinio, le mille pagine di relazioni scritte in word di note osservative, personali e riflessive, nonostante il quadernino con i macaroons colorati dove cerco di mettere fine ad un esame di quattro crediti che mi trascino da un anno e mezzo, nonostante le giornate-no di mia madre che mandano in tilt i miei nervi, ho il mio tempo. Leggo, tanto per cominciare. E ho smesso di scrivere sul blog proprio per questo motivo. Avevo bisogno di leggere cose "mie", non letture d'esame o di tesi, anche se interessanti e piacevoli. Avevo bisogno di viaggiare in luoghi lontani e appaganti, e ho scelto la temeraria Scozia del 1743. E sto bene, cazzo. Leggo fino alle tre di notte e leggo durante i viaggi in treno, leggo durante le pause di digestione.

E poi spignatto, ovvero mi autoproduco più-o-meno cosmetici. E' una passione che mi è nata dalle candele da massaggio. Ho iniziato a scoprire il significato di emulsionanti, "attivi", olio essenziale. Ogni tanto mi danno della strega, sempre lì a fare intrugli. In realtà sono ancora una principiante, però bisogna pur iniziare no? Due settimane fa ho fatto il mio primo "burro montato", e mi è piaciuto veramente tanto. Mi sono messa lì a montare come se dovessi fare una panna, ed è venuta fuori una crema piacevolissima da splarmarsi addosso. Caramelle frizzanti da bagno, burri corpo, balsami labbra, scrub profumati, maschere per capelli. Farle mi manda più in visibilio che comprarle (ok, sono giusto un tantino e s a u r i t a ). Senza contare il fatto che il mio corpo ne giova come un dissetato nel deserto. Ho comprato molte creme, in passato, sopratutto per delle cicatrici molto estese che ho sull'addome. Ho speso davvero tanti soldi, con la speranza di ammorbidire quella pellaccia poco elastica. Adesso, invece, con del burro di karitè spalmato ogni giorno con cura, anche quella pellaccia sembra essere più morbida, mi fa meno male. Adesso sono davvero una Lola morbidosa, come dice l'ingegnere. Anche se è più il grasso a rendermi "morbida", ma questa è un'altra storia.
Spignattamenti vari


Poteva mancarmi poi il Lato Muchacha? Certo che no. Non mi dilungherò oltre, ma con abbondante colla vinilica e tanta, tanta pazienza, ho trasformato un raccoglitore ad anelli in un elegante album fotografico.
 
Lola Attack
Comprarne uno già fatto? Forse sì, ma vuoi mettere la pazienza di   strappare la carta di riso, ritagliare i fiori minuziosamente, bucare i cartoncini neri e decorarli con nastri colorati, adesivi comprati nelle peggiori-migliori cartolerie dei dintorni, coprire il marchio del raccoglitore ad anelli con circa cinque passate di acrilico color giallo di Napoli?

Oh, la maestra che è in me sta uscendo fuori, questo è certo. E mi rende assai gioiosa. Un po' meno le urla isteriche di mia madre dall'altra parte della casa , ma questa è un'altra storia.

18 commenti:

  1. Verso l'ultimo anno di università anch'io mi ero data al bricolage... Delle schifezze assurde, ammetto di avere poca manualità

    Il tuo quaderno invece é notevole ,:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora è vero che l'ultimo anno di università porta angoscia e sofferenza e cerchiamo di svagarci con attività manuali? :-D
      Grazie Pippa 😘

      Elimina
  2. Comunque ti vedo meglio a patchworkare coi raccoglitori che ad alambiccare creme risolutive.. chissà.. mancanza di fiducia? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, smanetto con la colla vinilica da venti anni più o meno... l'esperienza vince :-p

      Elimina
  3. Dedicare del tempo per sé è il miglior tempo speso secondo me. Poi vedo che te la cavi bene sia con lo spignatto che con gli art attack. Io facevo di quei casini che veramente era uno spreco di carta e colla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi rilassa tanto gli animi :)
      Grazie, sono testarda e quando mi impunto qualcosa di carino esce sempre fuori :-D

      Elimina
  4. che brava!!!
    Qualche ricettina da spignatto?

    mi incuriosisce molto quella con il burro di karitè per le cicatrici, ma anche quelle per i capelli....

    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia!
      Ricettine non me la sento di divulgarne perché io le cerco su internet, bazzico sopratutto sul Forum di Lola & Co. ;-)
      Ho fatto un semplice burro montato comunque, con aggiunta di gel d'aloe vera, poi viene da sè che qualsiasi olio vettore ammorbidisce la pelle, ma il burro di karitè è veramente fantastico! :)

      Elimina
  5. Passi il farsi i cosmetici in casa (da chimico approvo) ma il decoupage...il decoupage...esci da questo corpo, maestra!! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il decoupage è più figo di quello che sembra u.u

      Elimina
    2. Dici? No perchè mia madre (insegnante) per un annetto circa ha riempito tutti gli oggetti di casa (dai vasi ai portagioie, passando per palle di natale e vassoi) con 'sti maledetti fogli in carta riso xD Secondo me è una droga :P

      Elimina
    3. Giuro che io per il momento mi sono fermata ad un semplice album fotografico :-D

      Elimina
  6. Giovanni Muciaccia ha segnato molte vite...però devo dire che il tuo risultato è notevole (io, di solito, di notevole avevo solo la mia delusione afterwards)! Prendi tempo per te, Lola, è l'unico veramente ben speso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci riempiva le domeniche mattine :-D
      :-) Grazie Nora

      Elimina
  7. tempo libero... un concetto che mi è stato astruso, da un mesetto a questa parte, ma del quale saprò godere... tra tv, libri e sport

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sono sicura che te lo riprenderai presto anche tu... ne abbiamo tutti diritto :-)

      Elimina
  8. Creare ha sempre un sapore diverso, più intenso, rispetto a comperare. Diventa qualcosa di "tuo" e speciale.
    Il tempo invece è una mera questione soggettiva che varia di giorno in giorno. Alcune giornate durano pochi istanti mentre altre durano mesi interi e ti permettono di fare più cose di quanto la fisica riteneva possibile, fino a quel momento. Tutto sta a prenderselo.

    Sono felice tu riesca a gestire con successo il tempo che trascorri, invece di lasciarlo scivolare fra le dita come granelli di sabbia.

    Tu con la ciccia?
    Naaa, non riesco ad immaginarlo XD XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte accade ancora, di lasciarsi scappare il tempo senza afferrarlo neanche per un secondo, però sono quei momenti di "creatività" che poi annullano tutto e ti rendono padrona del tuo tempo. :)

      Elimina

Il cliente ha sempre ragione